La trappola del perfezionismo: 3 modi per aiutarti a liberartene.

La tendenza al perfezionismo, a essere sempre impeccabili, nonché a vivere con estrema rabbia e disagio ogni possibile errore, sta prendendo sempre più campo nelle nostre vite quotidiane. La ricerca della perfezione ci illude di essere al riparo da molte cose (errori, vergogna, imbarazzo, ecc), mentre ci espone ad una tensione continua, ad una sensazione spesso insopportabile e incontrollabile.

I perfezionisti sono costantemente in allerta, sempre pronti a neutralizzare ogni possibile minaccia alla buona riuscita delle cose. Sono spesso rabbiosi verso se stessi e verso tutti coloro che possono cadere in fallo.

Il vero paradosso di queste persone è che svolgono il loro copione per prevenire possibili ansie o scocciature future, ma vivono un forte stato di tensione e irrequietezza presente. In altre parole, illudendosi di un “domani tranquillo”, coltivano una forte irrequietezza quotidiana.

L’ossessione della perfezione sa essere una vera e propria trappola per la mente. Molte persone si sentono come in gabbia, incapaci di agire diversamente. Riconoscono la fatica del loro stile di vita, ma non riescono a liberarsi dall’ansia  di qualcosa che può andare storto o, comunque, che non può essere previsto.

Allora cosa fare? Ecco alcuni suggerimenti:

  • Anzitutto, fate attenzione a pensieri e scelte del tipo “tutto o nulla”. Chi vive la propria vita con estremo perfezionismo, non ama alcun tipo di compromesso, così come non accetta situazioni indefinite o incomplete. Ricordatevi che non è possibile giocare solo quando si è certi di vincere, così come non è necessario essere i migliori in tutto ciò che si fa per potersi sentire amati e rispettati. Anzi, chi si è sentito veramente amato, si è sentito accettato e valorizzato così com’è, non in virtù dei suoi successi;
  • Cercate di essere più pazienti e tolleranti con gli altri e con voi stessi. La rigidità spinge spesso a non sopportare il prossimo e a giudicare se stessi. Diversamente, è possibile migliorare le relazioni e scongiurare il rischio di sentirsi criticati dagli altri;
  • Circondatevi di persone capaci di valorizzare la vostra persona, non la vostra abilità. Chi vi vuole diversi, non vi vuole veramente e vi rende schiavi del proprio giudizio.

Nella vita, non basta raccontarsi che “nessuno è perfetto” per scongiurare il rischio del perfezionismo. Nessuna solidarietà sociale basterà a soffocare il peso di questa ossessione. Sarà ben più importante, nonché efficace, cominciare a vivere da “imperfetti”: accettando noi stessi e alleggerendo il nostro giudizio personale, la vita diventerà improvvisamente molto più leggera.

 

“La perfezione è sempre a un gradino dalla perfezione” A. D’Avenia

Lascia un commento

Your email address will not be published.